Storia dell’Istituto Dionigi Scano e Ottone Bacaredda

La storia dell'istituto Scano Bacaredda è la storia dei due istituti da cui nasce di cui ripercorriamo le fasi salienti.

L'istituto di Istruzione superiore Scano nasce il 01 Settembre 2020 a seguito della fusione (accorpamento) di due storici istituti di Cagliari: Il Dionigi Scano di Cagliari e l'Ottone Bacaredda di Cagliari. Per essere più precisi il Bacaredda è stato assorbito dallo Scano

Storia dell' ITIS D.Scano - dal 1826 a oggi.

L'Istituto "Dionig Scano" affonda le sue radici attorno al 1826 con la trasformazione dell' Ospizio dei Poveri di S. Lucifero (fondato da re Carlo Felice) in Regio Ospizio degli Orfanelli "Carlo Felice" attuata con l'intenzione di istruire, oltre che accogliere, i ragazzi orfani.

Nel 1884 l'Istituto si trasforma in Scuola di Arti e Mestieri, nel 1907 in Regia Scuola Industriale, nel 1931 in Regia Scuola Tecnica e nel 1946 in Istituto Tecnico Industriale. 

La Scuola, che nel 1964 venne intitolata all'ing. Dionigi Scano, è quindi il più antico Istituto Industriale della Sardegna.

Nel 1968 con il boom della chimica in Sardegna dall'Istituto Scano si separa l'idirizzo Chimico dando luce all'Istituto Giua

L'Istituto era ubicato a Cagliari in Via S.Lucifero, nel 1986 ha trasferito la sede centrale a Monserrato nei più spaziosi locali di via Cesare Cabras a Monserrato.
L'Istituto " D. Scano " ha un corso di studi della durata di cinque anni con indirizzi

  • Informatica
  • Telecomunicazioni
  • Costruzione Ambiente e Territorio
  • Meccanica Meccatronica e Energia
  • Trasporti e Logistica (Costruzioni Aeronautiche).

L' Istituto, una volta conseguita la maturità, consente l'ingresso nel mondo del lavoro, la frequentazione di corsi di Istruzione superiore o l'iscrizione in qualunque facoltà universitaria. 

La figura di Dionigi Scano (fonte wikipedia - Dionigi Scano)

Laureatosi alla Regia Scuola d'Applicazione di Torino, fu richiamato in Sardegna da Filippo Vivanet per diventare suo collaboratore nell'ufficio regionale per la conservazione dei monumenti, del cui ufficio divenne in seguito capo.
Successivamente venne incaricato dal Ministero della Pubblica Istruzione di eseguire l'inventario degli edifici di pregio artistico della Sardegna.

Il lavoro durò 15 anni ed in quell'occasione fu compilata la prima classificazione degli edifici romanici della Sardegna.

Restaurò, con interventi talvolta discutibili e che ne alterarono l'originale aspetto, anche alcuni importanti monumenti come la basilica di San Gavino a Porto Torres, la Torre di San Pancrazio, la Chiesa di San Pietro di Simbranos a Bulzi.

Candidatosi alle elezione del 1905 per il Comune di Cagliari, diventa Consigliere e assessore.

Molto interessante è la sua attività di architetto, con la costruzione di molti edifici come il palazzo Accardo di Cagliari, la sede del Museo archeologico nazionale, in stile eclettico, la villa Congiu Pattarozzi e la propria abitazione sita un tempo in viale Trento a Cagliari, progettata insieme al figlio Flavio.

Attivo anche come scrittore, scrisse molti saggi sull'architettura e sull'arte medioevale in Sardegna, sulla storia della Sardegna ma anche su altri svariati argomenti.

L’Istituto Tecnico per Geometri Bacaredda

E' stato istituito a Cagliari nell’anno scolastico 1941-42 come sezione dell’Istituto Tecnico Commerciale “Pietro Martini” di Cagliari.

Nell’anno scolastico 1958-59 è diventato autonomo ed è stato intitolato a Ottone Bacaredda, Giurista, Deputato al parlamento, Sindaco di Cagliari nei primi decenni del ‘900.

La Scuola, che per un ventennio è gradualmente cresciuta sia per numero di iscritti che per dotazione di attrezzature, verso la metà degli anni ’90, ha dato vita ad un secondo istituto per geometri situato in zona periferica: l’I.T.G. “P.L.Nervi” con sede staccata a Selargius.

Dall’A.S. 2005/06, a seguito del decreto sul "dimensionamento scolastico", l’I.T.G. Nervi è stato accorpato al nostro Istituto.

Nell'anno scolastico 2014-2015 l'istituto è stato accorpato con l'Istituto Tecnico Statale "Sergio Atzeni" di Capoterra sempre in base alle regole del "dimensionamento scolastico" andando aformare l'istituto di Istruzione superiore Bacaredda-Atzeni. Il 1° Settembre 2020 l'istituto Bacaredda è stato accorpato all'istituto Dionigi Scano.

Il “Bacaredda”, durante i cinquanta anni della sua attività, ha formato oltre 8000 Geometri. Conseguito il diploma, sono numerosi coloro che hanno proseguito gli studi con successo presso le Facoltà di Ingegneria, Architettura, Geologia, Agraria e in altri ambiti.

L’Istituto continua a garantire il raggiungimento di livelli medio alti di preparazione anche per un proficuo ingresso nel mondo del lavoro, grazie alla professionalità del personale docente e di tutti gli operatori della scuola.

Attualmente è l’unico Istituto per Perito in Costruzioni Ambiente e Territorio (Ex Geometri) esistente nel Comune di Cagliari e punto di riferimento per i Comuni limitrofi alla città.

La figura di Ottone Bacaredda

Nasce a Cagliari il 20 dicembre del 1848. Conseguita la laurea in Giurisprudenza nel 1871, segue la famiglia a Firenze prima e a Genova poi, dove rimane sino al 1875, anno in cui fa definitivo ritorno in Sardegna.

Durante la parentesi peninsulare, e a seguito di questa, affina la vena giornalistica già in precedenza espressa in numerosi contributi su periodici locali. Nel 1883 ottiene, all’Università di Cagliari,la cattedra di Diritto, mantenuta poi fino alla morte.

Nel 1884 inizia l’attività politica che lo impegna per più di trent’anni.

Molteplice è la produzione letteraria: novelle, saggi, romanzi, commedie, poesie. Tra le opere più importanti, la raccolta Bozzetti sardi (1881) e il romanzo Casa Corniola (1884), ampia rielaborazione del precedente Roccaspinosa, pubblicato a Genova nel 1874. Muore a Cagliari il 26 dicembre del 1921.
In qualità di sindaco di Cagliari curò l’abbellimento ed il decoro della città.